Page 23 - Pronto?... Regole di grammatica
P. 23

FORMA ATTIVA E FORMA PASSIVA
I verbi possono essere usati nella:
quando il soggetto del verbo compie l’azione:
Es.: Marco rompe il vetro.
  FORMA ATTIVA
FORMA PASSIVA
Nel dizionario è indicata la forma attiva, mentre quella passiva deve essere costruita:
quando il soggetto del verbo subisce l’azione:
Es.: Il vetro è rotto da Marco.
   con il verbo essere
forma attiva: (saluto, temo, investo...) forma passiva: (sono salutato, ...)
   con le voci del verbo venire + il participio passato del verbo:
vengo salutato da tutti
 con le voci dei verbi andare, stare, restare, rimanere,
 nire
 + il participio passato del verbo:
la casa andò distrutta nell’incendio
 con la particella si davanti al verbo coniugato alla
3a persona sing. o plur.:
si sente un gradevole profumo di vaniglia
 FORMA RIFLESSIVA
Nella forma riflessiva il soggetto compie l’azione e nello stesso tempo la subisce.
Questa forma è caratterizzata dalla presenza delle particelle pronominali mi, ti, ci, vi, si, che hanno la funzione di complemento oggetto del verbo. Es.: io mi vesto - tu ti vesti - egli si veste - noi ci vestiamo
Nelle forme dell’imperativo, con l’infinito, il participio e il gerundio le particelle pronominali si uniscono al verbo.
Es.: vestiti! - non vuole vestirsi - vestendosi...
- voi vi vestite - essi si vestono.
23








































































   21   22   23   24   25