Page 24 - Pronto?... Regole di grammatica
P. 24

AVVERBI
L’avverbio si aggiunge a un verbo, a un aggettivo, a un nome o a un altro avverbio per spiegarne meglio il signi cato, completarlo o modi carlo.
Gli avverbi possono essere:
   di MODO
 Felicemente, scherzosamente, bene, male, volentieri...
     di TEMPO
Ora, allora, adesso, ormai, subito, poi, sempre, spesso, immediatamente, talora, talvolta, ancora, prima, poi, dopo, già, mai, presto, tardi, ieri, oggi, domani, stasera ...
    di LuOGO
 Qui, qua, lì, là, laggiù, lassù, quassù, quaggiù, vicino, lontano, accanto, fuori, dentro, dietro, davanti, dovunque, intorno, sotto...
    di QuANTITÀ
Molto, poco, tanto, troppo, altrettanto, parecchio, quanto, abbastanza, assai, almeno, appena, quasi...
     di DuBBIO
 Forse, probabilmente, eventualmente, magari, quasi, circa...
     di AFFERMAZIONE
 Sì, certo, certamente, sicuramente, proprio, davvero...
   di NEGAZIONE
 No, non, né, neppure, nemmeno, neanche, affatto...
   pREpOSIZIOnI
Le preposizioni hanno la funzione di “legare” gli elementi della frase. Si distinguono in:
     SEMPLICI (di, a, da, in, con, su, per, tra, fra) ARTICOLATE (vedi tabella pag. 25)
IMPROPRIE:
Le preposizioni improprie sono parole che funzionano da preposizione quando sono poste prima di un nome o a un pronome con i quali formano un complemento indiretto.
Es.: Il giardino è dietro la casa. Il canneto cresce lungo il fiume.
    PROPRIE:
                sopra, sotto, dietro, dentro, dopo, fuori, lungo, senza...
    24
         








































































   22   23   24   25   26